Pubblicato il: mercoledì 4 Gennaio, 2017
Confermata la moderata criticità su Alpi, Prealpi e Appennino

Emergenza incendi: dichiarato lo stato di alto rischio

La Regione Lombardia ha comunicato questa mattina alle Forze dell’ordine e agli Enti istituzionali a tutti i livelli l’attivazione dello stato di alto rischio d’incendio boschivo.

“Il periodo con maggior grado di pericolosità per la Lombardia – ha spiegato l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, è quello che va da dicembre ad aprile. In questi giorni, senza creare allarmismi, abbiamo deciso di attivare lo stato di’ alto rischio a causa di alcuni incendi registrati in diverse zone del territorio regionale”.

incendiPer tutta la durata del periodo di alto rischio vige il divieto assoluto di accensione, all’aperto, di fuochi nei boschi o a distanza da questi inferiori a 100 metri, senza eccezione alcuna, su tutto il territorio regionale. Le Autorità militari sono invitate ad impartire tutte le opportune disposizioni affinché nell’esecuzione di esercitazioni vengano adottate tutte le precauzioni necessarie a prevenire gli incendi. Gli Enti Locali sono invitati a comunicare tempestivamente l’attivazione del periodo di alto rischio. Devono inoltre essere attivate le Organizzazioni di volontariato antincendio boschivo affinché possano fornire la consueta indispensabile collaborazione nella fase di prevenzione ed estinzione degli incendi boschivi.

“Grazie al nuovo piano triennale antincendi della Regione Lombardia 2017/2019, approvato dalla Giunta il 29 dicembre 2016 – ha concluso Bordonali – sarà possibile aprire e chiudere più volte in un anno il periodo ad alto rischio a seconda delle esigenze”.

La Sala operativa della Protezione civile ha confermato la moderata criticità (codice arancione) per rischio incendi boschivi sulle Alpi, Prealpi e Appennino fino a revoca. In particolare il rischio è localizzato su Valchiavenna e Alpi Centrali in provincia di Sondrio, Lario (CO,LC), Brembo e Alto Serio – Scalve (BG), Basso Serio – Sebino (BG,BS), Valcamonica, Mella-Chiese e Garda (BS).

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore