Pubblicato il: sabato 26 Novembre, 2016
22 itinerari descritti, commentati e corredati da cartine e immagini

Ecco “L’Italia dei Sentieri Frassati”

Il CAI pubblica un volume di grande formato dedicato alla rete dei sentieri realizzati in ogni Regione d’Italia

sentieri frassatiAnche il Sentiero Pier Giorgio Frassati della Lombardia, realizzato nel 2008 tra Sant’Antonio di Corteno Golgi (BS) e la chiesetta dedicata a San Carlo presso il Rifugio CAI Valtellina al Palabione di Aprica (SO), è tra i ventidue, selezionatissimi, percorsi montani della Bellezza e della Fede che compongono un volume appena stampato. Si tratta del magnifico L’Italia dei Sentieri Frassati, edito sotto l’egida del CAI centrale.

Giova ricordare che l’idea dell’iniziativa lombarda venne proposta durante un convegno al Rifugio Valtellina nel 2007 dall’ex presidente CAI Roberto De Martin (nativo di Corteno) al parroco aprichese di allora, don Augusto Azzalini, al presidente CAI Aprica del momento Luigino Negri, all’assessore Dino Negri e al gestore del rifugio Franco Plona, i quali lo accolsero con entusiasmo e si prodigarono per definirne il tracciato, coinvolgendo gli omologhi rappresentanti cortenesi. L’inaugurazione, alla presenza di delegazioni da molte parti d’Italia, fu celebrata il 24 agosto 2008. Era il 14° della serie.

Il primo Sentiero Frassati viene inaugurato in Campania nel giugno 1996. L’idea è quella espressa da Antonello Sica, curatore della guida pubblicata oggi: «Un sentiero di particolare interesse naturalistico, storico e religioso da intitolare al giovane torinese che “amava la montagna e la sentiva come una cosa grande, un mezzo di elevazione dello spirito, una palestra dove si tempra l’anima e il corpo”». Quell’idea ha camminato molto grazie al lavoro dei soci CAI e di altre associazioni come la Giovane Montagna e L’Azione Cattolica: nell’agosto 2012 è stato inaugurato in Alto Adige il ventiduesimo ed ultimo Sentiero Frassati d’Italia, uno per ciascuna regione e provincia autonoma d’Italia e uno a rappresentare l’Italia in una possibile, futura rete internazionale.

Nella sua introduzione, l’altro curatore del volume, Dante Colli, prova a spiegare il successo di questo progetto: “una sorprendente fioritura dei pellegrinaggi, ma anche di un turismo mosso dall’attrazione per il paesaggio e l’arte, dalla bellezza lenta del camminare, dalla rivincita del silenzio e della dimensione spirituale che la modernità ha soffocato”.

I 22 cammini che compongono la rete dei Sentieri Frassati d’Italia sono descritti con dovizia di informazioni, non solo sull’itinerario in sé (percorso, cartine dettagliate, possibili varianti), ma soffermandosi anche sul territorio, la cultura e l’umanità che il sentiero attraversa. Si compone così un mosaico di luoghi, paesaggi, personaggi e incontri che solo l’andamento lento del camminare, con l’ausilio di questa ampia guida, permette di cogliere ed apprezzare in tutta la sua varietà e ricchezza.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore