Pubblicato il: lunedì 19 dicembre, 2016

Ligari d’argento 2016 a Sergio Bonvini

ligari d'argentoIl giorno 17 dicembre 2016, alle ore 11.00, presso la stüa di Palazzo Pretorio a Sondrio, si è riunita la Commissione per l’assegnazione del Premio Ligari d’Argento 2016, composta dagli ex Sindaci della Città: Cav. Alberto Frizziero, Ing. Flaminio Benetti e Dott.ssa Bianca Bianchini e dal Sindaco di Sondrio Alcide Molteni. La commissione ha esaminato le 5 candidature pervenute e la scelta è avvenuta dopo ampia discussione sulle figure delle personalità che i cittadini hanno proposto. Il Premio verrà consegnato in data 20 dicembre 2016, presso la Sala Consiliare del Comune di Sondrio, alle ore 18.00.
Il vincitore, Sergio Bonvini, è stato quest’anno scelto a rappresentare la Città con il Ligari d’Argento, in forza del suo impegno nel campo del volontariato. Bonvini Sergio nato a Sondrio il 19 novembre 1934 e residente a Sondrio in via Piazzi n. 68, persona conosciuta e stimata da molti cittadini, è Volontario della Croce Rossa dal lontano 1962 ed è tuttora sulla breccia; difatti riveste la carica di Vicepresidente onorario e tiene le lezioni di Codice Etico a tutti i corsi per nuovi volontari. Durante il suo lungo e prezioso operato ha svolto servizio come autista-soccorritore sulle autombulanze, dopo i 65 anni ha continuato con il servizio dialisi e trasporto sanitario semplice ed ha partecipato in prima persona a numerose missioni di soccorso e raccolta di aiuti umanitari in occasione di gravi calamità. Tra le tante ricordiamo la frana di Tresenda del 1983, il terremoto del Friuli e quello dell’Irpinia, l’alluvione in Valtellina del 1987, il terremoto nelle Marche del 1997.
Nel 1997 si è recato anche a Zara con un carico di derrate alimentari per la popolazione duramente colpita dalla guerra civile; dopo aver constatato la gravità della situazione ha promosso e organizzato in valle ulteriori raccolte di aiuti che ha portato a Zara con più spedizioni fino alla fine della guerra nel 1996. Stessa cosa ha poi fatto per la città di Sarajevo nel 1997 e nel 1998. A queste attività umanitarie ha affiancato l’attività di istruttore di guida (formando negli anni centinaia di autisti-soccorritori) e di operatore radio dando il suo apporto per la creazione di una maglia radio provinciale. Oltre che in Croce Rossa ha operato e opera tuttora come volontario per l’UNITALSI nell’ottobre dell’anno scorso si è recato in treno a Lourdes con gli ammalati: 24 ore di treno alla bella età di 81 anni!
Motivazioni dell’assegnazione del Premio Ligari d’Argento 2016:

“Nonostante i suoi ottantadue anni, è tuttora volontario nell’ambito dell’accoglienza dei migranti, della distribuzione viveri ai bisognosi e nell’insegnamento del codice etico ai nuovi volontari, svolgendo questi servizi con la passione di sempre. Tutti quelli che hanno avuto a che fare con lui ne hanno apprezzato la disponibilità all’ascolto, la sensibilità e la grande umanità, lo spirito di servizio e la dedizione appassionata, che lo hanno sostenuto anche in periodi non facili della sua vita privata”.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore